• home
  • Chi Siamo
  • catalogo
  • e-book
  • ricerca
  • acquisti
  • distribuzione
  • eventi
  • contatti
  • ricerca

E' l'indirizzario dei clienti a cui mandiamo via email notizia delle novità editoriali. Gli iscritti al Club dei Lettori godono di offerte promozionali a loro rivolte e dello sconto del 15% su tutti i titoli in catalogo (sconto non cumulabile con altri sconti), a condizione che l'ordine sia effettuato attraverso il sito web. Per iscriversi al club dei Lettori inserire di seguito il proprio indirizzo email. Inviandolo si acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/2003.

Inserisci il tuo indirizzo:
copia qui il testo di verifica



Gli Autori
immagine autore

Raimondo Spiazzi

Nasce nel 1918 a Moneglia (Genova) da padre di famiglia veronese e madre monegliese appartenente a un'antica famiglia di naviganti e al battesimo riceve il nome di Aurelio. Dopo gli studi ginnasiali e liceali entrò nel noviziato dell’Ordine domenicano e fu ordinato sacerdote nel 1944. Finita la guerra venne inviato alla Pontificia Università di San Tommaso d'Aquino, detta abitualmente Angelicum dove nel 1947 si laureò in Sacra Teologia con una tesi dal titolo Il cristianesimo perfezione dell'uomo. Ha insegnato Teologia fondamentale, Filosofia morale, Sociologia e Teologia dogmatica. Sempre presso la Pontificia Università San Tommaso nel 1952 fondò la Facoltà di Scienze Sociali, che diresse fino al 1957: è infatti un precursore negli studi di Dottrina Sociale della Chiesa. Ha contribuito a fondare l’Università LUISS nella quale ha creduto con passione e vi ha insegnato per decenni. Dal 1960 al 1964 è stato Provinciale dell’Ordine in Piemonte e Liguria. È stato consultore della Pontificia Commissione per l'Apostolato dei laici, della Sacra Congregazione per l'Educazione Cattolica, membro di varie commissioni di studio presso le Sacre Congregazioni, e perito del Concilio Vaticano II. Negli anni 1973-1975 ha fatto parte della Commissione centrale per l'Anno Santo, curando la parte teologico-pastorale della celebrazione. È stato membro di importanti Accademie, esaminatore apostolico per il clero e consultore per il sinodo diocesano di Roma. Ha partecipato a congressi di studio e conferenze in diversi Paesi d'Europa, negli Stati Uniti, nell'America Latina, nelle Filippine, in Giappone e in Africa. Ha collaborato alle trasmissioni di Radio Vaticana e della Rai. Lasciata Roma nel 2000, trascorse gli ultimi due anni di vita nel Convento domenicano di Varazze.
Vero discepolo di san Domenico e san Tommaso, era dotato di una straordinaria capacità di lavoro: lo testimonia la sua ampia bibliografia che consta di 2.500 titoli (di cui 150 libri). Partendo dalla triade san Domenico, san Tommaso d’Aquino e santa Caterina da Siena, in cui è fissata e si può cogliere l’essenza della spiritualità domenicana, evidenzia come Gesù sia il centro - anzi l’Unico - nella vita di coloro che hanno scelto l’Ordine dei Predicatori come guida nella via della perfezione. Spiazzi è il domenicano che cerca le origini del suo Ordine, la tradizione domenicana sviluppatasi all’inizio con il santo fondatore, e che san Tommaso d’Aquino e santa Caterina da Siena hanno teorizzato e vissuto. Anch’egli, come il fondatore e padre, vuol essere tutto “Dominicus”, cioè del Signore.
Punto centrale del suo pensiero, espresso già nella sua tesi di laurea del 1947 (Natura e Grazia, ESD, 1991) e sviluppato nell’arco di quasi mezzo secolo di pubblicazioni, è il carattere perfettivo del cristianesimo secondo la teoria tommasiana: Gratia non destruit sed supponit et perficit naturam. Con grande attenzione e passione egli segue l’evolversi del pensiero teologico nella vita della Chiesa, preoccupato dall’offensiva “pelagiana” secondo cui l’uomo potrebbe salvarsi da solo senza la grazia sanante, elevante e santificante. Non si dà pace per il fatto che, anche in campo cattolico, si sia troppo in fretta messo da parte san Tommaso, con la sua realistica impostazione del rapporto natura-grazia. Il risultato di tali “avventure teologiche” diventa la negazione del dogma del peccato originale che può essere cancellato solo da Gesù Cristo e dal Suo battesimo. È la negazione della redenzione operata dal Cristo sulla croce; è la negazione dei sacramenti: battesimo, confessione, eucaristia, ordine sacro, in quanto l’uomo resosi Dio a se stesso, non ha bisogno di alcuna salvezza. Conclude padre Spiazzi, è questo sembra il messaggio più alto e più bello: Oggi è necessario che, cadute le obiezioni anti-soprannaturali, finalmente gli uomini accettino questa generosa “amicizia all’uomo” che Cristo offre, facendoci non solo figli di Dio, ma anche veri uomini, nel divino e nello stesso tempo “umanissimo” nuovo ordine della grazia.
Tra le opere ricordiamo l’imponente progetto realizzato con l’editore Marietti di Torino di pubblicare l’opera omnia di san Tommaso d’Aquino in lingua originale. Tale progetto, iniziato nel 1948 e interrotto nel 1969, non giunse purtroppo a compimento, anche se furono pubblicate le opere maggiori. Tra le altre pubblicazioni ricordiamo: Lo spirito Santo nella nostra vita. Preparazione al grande giubileo dell'anno 2000 (Massimo, 1997); Dio padre onnipotente e misericordioso (Massimo, 1998).


Opere presso ESD