• home
  • Chi Siamo
  • catalogo
  • e-book
  • ricerca
  • acquisti
  • distribuzione
  • eventi
  • contatti
  • ricerca

E' l'indirizzario dei clienti a cui mandiamo via email notizia delle novità editoriali. Gli iscritti al Club dei Lettori godono di offerte promozionali a loro rivolte e dello sconto del 15% su tutti i titoli in catalogo (sconto non cumulabile con altri sconti), a condizione che l'ordine sia effettuato attraverso il sito web. Per iscriversi al club dei Lettori inserire di seguito il proprio indirizzo email. Inviandolo si acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/2003.

Inserisci il tuo indirizzo:
copia qui il testo di verifica



collane

copertina libro

Girolamo Savonarola
IL TRIONFO DELLA CROCE

La ragionevolezza della fede

ISBN: 9788870944334
dimensioni: 140 x 210 mm
rilegatura: cartonato
collana: Domenicani
pagine: 480
anno: 2001

€ 30,99 -50% € 15,50

È un´opera filosofico-teologica in cui il Savonarola illustra l´originalità e la ragionevolezza della fede cristiana e mostra che Gesù Cristo è l´unico salvatore dell´umanità. Questa opera ha goduto per molti secoli di un grande successo, diventando il testo base per la formazione teologica di molti missionari.
Introduzione di Massimo Negrelli.
Versione in italiano corrente di Giorgio Maria Carbone.

Girolamo Savonarola - Nasce a Ferrara il 21 settembre 1452 da una famiglia di notai. Dopo aver ricevuto la sua prima formazione letteraria e spirituale, nel 1475 lascia Ferrara e entra nell´Ordine dei Predicatori a Bologna nel Convento di San Domenico. Si occupa sia della formazione intellettuale dei giovani frati che della predicazione in varie città del Nord Italia. Nel 1490 è assegnato al Convento di San Marco a Firenze. Persuaso di essere chiamato a una missione profetica, conquista rapidamente l´animo dei Fiorentini. Fu riformatore sia della sua comunità religiosa che della comunità civile di Firenze. Predicò appassionatamente denunciando scandali e ingiustizie, facendosi così sia un nutrito gruppo di discepoli sia molti nemici. Fu impiccato e bruciato a Firenze in piazza della Signoria con due suoi confratelli, fra Domenico Buonvicini e fra Silvestro Maruffi il 23 maggio 1498.