• home
  • Chi Siamo
  • catalogo
  • e-book
  • ricerca
  • acquisti
  • distribuzione
  • eventi
  • contatti
  • ricerca

E' l'indirizzario dei clienti a cui mandiamo via email notizia delle novità editoriali. Gli iscritti al Club dei Lettori godono di offerte promozionali a loro rivolte e dello sconto del 15% su tutti i titoli in catalogo (sconto non cumulabile con altri sconti), a condizione che l'ordine sia effettuato attraverso il sito web. Per iscriversi al club dei Lettori inserire di seguito il proprio indirizzo email. Inviandolo si acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/2003.

Inserisci il tuo indirizzo:
copia qui il testo di verifica



collane

copertina libro

Giacomo Biffi
LA FORTUNA DI APPARTENERGLI

Lettera confidenziale ai credenti. Seconda edizione

ISBN: 9788870948066
dimensioni: 115 x 190 mm
rilegatura: brossura
collana: Itinerari della fede
pagine: 24
anno: 2012

€ 1,00

Mentre molti si impegnano a dialogare con i non credenti, il cardinal Biffi scrive ai credenti.

«Vi do una notizia un po’ riservata. Vi rivelo un segreto; ma, mi raccomando, resti tra noi. La notizia è questa: grande è la fortuna di noi credenti. Grande è la fortuna di chi è «cristiano»; cioè appartiene, sa di appartenere, vuole appartenere a Cristo.
Però non andate a dirlo agli altri: non capirebbero. E potrebbero anche aversela a male: potrebbero magari scambiare per presunzione il nostro buon umore per la felice consapevolezza di quello che siamo; potrebbero addirittura giudicare arroganza la nostra riconoscenza verso Dio Padre che ci ha colmati di regali.
C’è perfino il rischio di essere giudicati intolleranti: intolleranti solo perché non ci riesce di omologarci disciplinatamente e possibilmente con cuore contrito alla cultura imperante; intolleranti solo perché non ci riesce di smarrirci, come sarebbe «politicamente corretto», nella generale confusione delle idee e dei comportamenti.
Un’altra grande fortuna di coloro che sono «di Cristo» è quella di essere liberi. Ecco quanto Cristo ci ha promesso: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» (Gv 8, 31-32).
Il principio di questa prerogativa inalienabile del cristiano è la presenza in noi dello Spirito Santo: «Dove c’è lo Spirito del Signore, c’è la libertà» (2 Cor 3, 17); quello Spirito che, secondo la parola di Gesù, ci guida alla verità tutta intera (cf. Gv 16, 13), perché ci chiarifica «le cose come stanno»; ed è appunto questa verità a farci liberi (cf. Gv 8, 32). Sant’Ambrogio enuncia questo caposaldo dell’antropologia cristiana, scrivendo: «Dove c’è la fede, lì c’è la libertà».

Giacomo Biffi - Nato a Milano il 13 giugno 1928 e morto a Bologna l'11 luglio 2015. Ordinato sacerdote nel 1950, si laureò in Teologia con una tesi dal titolo Colpa e libertà nell’odierna condizione umana, e insegnò Teologia Dogmatica nei Seminari dell’Arcidiocesi milanese. Fu parroco prima a Legnano, poi nella parrocchia di Sant´Andrea a Milano. Nel 1975 papa Paolo VI lo nominò vescovo ausiliare di Milano e nell’anno seguente ricevette l´ordinazione episcopale. Promosso arcivescovo di Bologna, vi fece ingresso nel 1984. Elevato al rango di cardinale da Giovanni Paolo II nel 1985 fu membro della Congregazione per l´evangelizzazione dei popoli, della Congregazione del clero e della Congregazione per l´educazione cattolica. Si ritirò dalla missione di vescovo di Bologna nel 2003 per raggiunti limiti d’età. Nel 2007 ha tenuto gli esercizi quaresimali alla Curia romana e a Benedetto XVI.
Nel 1969, quando era ancora parroco, sorprese tutti con Il quinto evangelo, un pamphlet ironico in cui finge la scoperta di un nuovo vangelo che "corregge" i vangeli canonici. Uomo intelligente, profondo e vigoroso, abituato a dire sempre quello che pensa, ha suscitato, in certe occasioni, grande clamore. Nel 2000 dichiarò, in una conferenza a Bologna, che l´Anticristo è vivo ed è un prominente filantropo che promuove le idee dell´ecumenismo, del vegetarianesimo e del pacifismo. Ha proposto al Governo italiano di favorire l´immigrazione cattolica per superare quella musulmana e proteggere così l´identità nazionale, anche per favorire una migliore, e meno turbolenta, integrazione con la popolazione italiana.Tra le opere più importanti ricordiamo: Attenti all’Anticristo (Piemme, 1991); Linee di escatologia cristiana (Jaca Book, 1998); Contro Maestro Ciliegia: commento teologico a «Le avventure di Pinocchio» (Jaca Book, 2000); Ragione e vita: a che punto è la notte? (Cantagalli, 2003); Corso inusuale di catechesi, Vol.1: L´enigma dell´esistenza e l´avvenimento cristiano (Elledici, 2004); Corso inusuale di catechesi, Vol.2: L´enigma della storia e l´avvenimento ecclesiale (Elledici, 2005); Corso inusuale di catechesi, Vol.3: L´enigma dell’uomo e la realtà battesimale (Elledici, 2006); Memorie e digressioni di un italiano cardinale (Cantagalli, 2007).