• home
  • Chi Siamo
  • catalogo
  • e-book
  • ricerca
  • acquisti
  • distribuzione
  • eventi
  • contatti
  • ricerca

E' l'indirizzario dei clienti a cui mandiamo via email notizia delle novità editoriali. Gli iscritti al Club dei Lettori godono di offerte promozionali a loro rivolte e dello sconto del 15% su tutti i titoli in catalogo (sconto non cumulabile con altri sconti), a condizione che l'ordine sia effettuato attraverso il sito web. Per iscriversi al club dei Lettori inserire di seguito il proprio indirizzo email. Inviandolo si acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/2003.

Inserisci il tuo indirizzo:
copia qui il testo di verifica



collane

copertina libro

Gregorio di Nissa
DISCORSO CATECHETICO

ISBN: 9788870949162
dimensioni: 125 x 195 mm
rilegatura: brossura
collana: Sources Chretiennes
pagine: 384
anno: 2016

€ 35,00

È una summa della dottrina cristiana: propone una visione di insieme della fede all’interno della storia della salvezza. Tra gli aspetti più originali e sempre attuali dell’opera segnaliamo i seguenti: Gregorio dimostra a più riprese che la fede cristiana non è incompatibile con la ragione, è dotato di grande coraggio nel trattare temi spinosi e di vigore speculativo per rispondere alle obbiezioni di ordine filosofico, e sottolinea il ruolo decisivo della risurrezione di Cristo in ordine alla fede e alla salvezza.
Prima edizione italiana con testo critico greco e traduzione italiana a fronte con introduzioni e note.

Testo critico di E. Muehlenberg
Introduzione e note di Raymond Winling
Traduzione italiana e aggiornamento di Maria Benedetta Artioli

 

Gregorio di Nissa - Nato intorno al 335, fu uno dei maggiori teologi e mistici della Chiesa di lingua greca. Fratello minore di Basilio Magno, fu educato sotto la sua direzione. Le sue opere rivelano un’accurata conoscenza della retorica e della filosofia greca e anche una rara capacità di sintesi. Per alcuni anni fu maestro di retorica e pare che si sposò. Successivamente si dedicò alla vita monastica entrando nel monastero fondato dal fratello Basilio. Divenuto vescovo di Nissa, difese strenuamente – insieme a Basilio e all’amico Gregorio di Nazianzo – la fede nella divinità di Gesù Cristo contro l’eresia ariana, venendo anche deposto ed esiliato. Ebbe una parte rilevante nel Concilio ecumenico di Costantinopoli, specie nelle decisioni di ordine dottrinale. Morì nel 394. È venerato come santo, sia dalla Chiesa ortodossa che dalla Chiesa cattolica.