• home
  • Chi Siamo
  • catalogo
  • e-book
  • ricerca
  • acquisti
  • distribuzione
  • eventi
  • contatti
  • ricerca

E' l'indirizzario dei clienti a cui mandiamo via email notizia delle novità editoriali. Gli iscritti al Club dei Lettori godono di offerte promozionali a loro rivolte e dello sconto del 15% su tutti i titoli in catalogo (sconto non cumulabile con altri sconti), a condizione che l'ordine sia effettuato attraverso il sito web. Per iscriversi al club dei Lettori inserire di seguito il proprio indirizzo email. Inviandolo si acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/2003.

Inserisci il tuo indirizzo:
copia qui il testo di verifica



collane

copertina libro

Marco Vitale
LONGEVITÀ

Una rivoluzione silenziosa. Introduzione di Angelo Ferro

ISBN: 9788870947816
dimensioni: 140 x 210 mm
rilegatura: brossura
collana: Il pane quotidiano
pagine: 360
anno: 2011

€ 26,00

«La vecchiaia è una brutta bestia», si sente dire. Ma non solo; e non sempre.La vecchiaia può essere il momento di massimo splendore di una vita intera, vissuta pienamente in ogni sua età. Momento in cui la persona umana, ricolma di emozioni e di esperienza, “vede” un po’ meglio tante cose, decantate nel tempo, e desidera che il frutto dolce e maturo non si perda. Vuole donarlo, metterlo a disposizione dei figli, dei giovani, di chi si affaccia adesso a questa avventura.La longevità diffusa, fenomeno recente nella storia dell’uomo e soprattutto crescente, per certi versi anche problematico e spiazzante, diventa quindi un patrimonio da custodire, da non lasciar disperdere. La longevità è il frutto di tante conquiste dell’umanità. È segno di civiltà. È una ricchezza preziosa soprattutto nel campo delle relazioni, essendo il collante naturale di una società dispersa, sbattuta di qua e di là da abitudini e idee disordinate, con le famiglie divise e indebolite dai molti impegni di una vita frenetica e confusa.Ma proprio perché culmine di una lunga vita, una vecchiaia di successo non ce la si inventa: longevi si diventa. Perché si raccoglie solo ciò che si è seminato. Una vecchiaia serena e piena la si costruisce da giovani e prima ancora da bambini.Un libro utile ai longevi per le mille informazioni e la “visione” che fornisce, ma ancora più utile ai giovani che hanno il tempo di prepararsi adesso, consapevolmente, a vivere al massimo (anche) l’età più piena: per trovare tutti insieme, in una equilibrata riconciliazione e nella collaborazione intergenerazionale, la strategia vincente che ottenga la soddisfazione di tutti nell’affrontare il mondo che cambia, che non è più lo stesso anche nella demografia. Perché si dice che la civiltà e la ricchezza di un popolo dipendono, nel breve, dall’economia, nel medio periodo dalla politica, e nel lungo dalla demografia. «Un libro importante che apre nuovi orizzonti»: Carlo Vergani, uno dei maggiori gerontologi italiani.

Marco Vitale - Bresciano di nascita, milanese di residenza e internazionale per interessi e attività, Marco Vitale ha svolto compiti professionali di rilievo in vari campi dell’economia d’impresa, dove il leit-motiv è sempre stato l’innovazione, le nuove frontiere e la modernizzazione dell’economia.Trascorre gli anni centrali della sua formazione nel mondo societario e professionale americano dove, in qualità di dirigente e giovanissimo socio dell’Arthur Andersen & Co., opera con primari complessi aziendali internazionali. Dopo vent’anni lascia l’Andersen e fonda una società di consulenza in Italia, la Vitale-Novello & Co. S.r.l., dedicandosi all’innovazione dei gruppi familiari italiani: Gruppo Same-Deutz, Gruppo Recordati, Smeg, LU-VE, Snaidero, Ermenegildo Zegna, Vincenzo Zucchi.In Italia è tra i protagonisti dell’introduzione e sviluppo della certificazione dei bilanci, è pioniere dell’attività di gestione di fondi d’investimento e del merchant banking, ed è co-fondatore e primo presidente delle società del Gruppo Arca, costituto da un importante gruppo di banche popolari. È nominato presidente dell’AIFI, che ha contribuito a creare e ha presieduto per sedici anni.Dal 2010, con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Confindustria, ABI e alcuni grandi istituti bancari italiani, costituisce e presiede il Fondo Italiano di Investimento, www.fondoitaliano.it, che con 1,2 miliardi di euro di dotazione intende creare e salvare posti di lavoro e aiutare le imprese italiane a crescere nel mondo.Si è molto impegnato nello sviluppo di valori e metodi imprenditoriali negli Enti locali e nel Mezzogiorno. È stato presidente del nuovo terminal container del porto di Gioia Tauro (RC), è stato presidente delle Ferrovie Nord di Milano, assessore alle attività economiche del Comune di Milano, commissario straordinario dell’Ospedale Maggiore-Policlinico di Milano, consulente di varie Province e Comuni per la privatizzazione, modernizzazione e sviluppo di piani strategici territoriali. Commissario Unico del coordinamento dei finanziamenti privati ai profughi del Kosovo (Missione Arcobaleno), ha istituito un fondo di microcredito con il prof. Muhammad Yunus, fondatore di Grameen Bank e premio Nobel per la Pace.Generosa l’attività di docenza. Ha condotto corsi molto innovativi all’Università di Pavia, alla Bocconi di Milano, all’ISTAO di Ancona e alla LIUC di Castellanza. Di quest’ultima è stato il principale ideatore, co-fondatore, animatore e vice-presidente. È stato presidente della Fondazione ISTUD, prima Business School indipendente d’Italia, che ha contribuito a rilanciare.Editorialista di importanti quotidiani, è autore di numerosi scritti e libri, tra cui: La riforma delle Società per Azioni (Giuffrè, 1975); La lunga marcia verso il capitalismo democratico (Il Sole 24 Ore, 1989); Le Encicliche sociali, il rapporto tra Chiesa ed Economia (Il Sole 24 Ore, 1991); Liberare l’economia, le privatizzazioni come terapia alla crisi italiana (Marsilio, 1993); Sviluppo e Spirito d’Impresa (Il Veltro, 2001); America, punto e a capo. Una lettura non conformista della crisi dei mercati mobiliari (Scheiwiller, 2002); Fenomeno Chievo. Una squadra di quartiere contro il calcio miliardario (Scheiwiller, 2002); Il mito Alfa (Egea, 2004); Arturo Benedetti Michelangeli. La perfezione si fa musica (Castelli Bolis Poligrafiche, 2005); Lezioni di Impresa da tempi e luoghi diversi (Inaz, 2008); Viaggio nell’economia campana (Guida, 2008); Passaggio al futuro. Oltre la crisi attraverso la crisi (Egea, 2010). Ha ideato e sostenuto la riedizione di Del pensiero come principio d’economia publica di Carlo Cattaneo, con traduzione inglese a fronte (Scheiwiller, 2001), e la versione destinata al mercato americano Intelligence as a Principle of Public Economy (Lexington Book, USA, 2003).
Si veda anche www.marcovitale.it.