• home
  • Chi Siamo
  • catalogo
  • e-book
  • ricerca
  • acquisti
  • distribuzione
  • eventi
  • contatti
  • ricerca

E' l'indirizzario dei clienti a cui mandiamo via email notizia delle novità editoriali. Gli iscritti al Club dei Lettori godono di offerte promozionali a loro rivolte e dello sconto del 15% su tutti i titoli in catalogo (sconto non cumulabile con altri sconti), a condizione che l'ordine sia effettuato attraverso il sito web. Per iscriversi al club dei Lettori inserire di seguito il proprio indirizzo email. Inviandolo si acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/2003.

Inserisci il tuo indirizzo:
copia qui il testo di verifica



titoli suggeriti
Marco Salvioli, Ed.
TOMISMO CREATIVO
Letture contemporanee del Doctor Communis
Aa. Vv.
FIDES ET RATIO
Analitici, Continentali e Tomisti
Antonio Olmi, Ed.
IL PECCATO ORIGINALE TRA TEOLOGIA E SCIENZA
Dionigi
MISTICA TEOLOGIA E EPISTOLE I-V
Battista Mondin
IL PROBLEMA DI DIO
Filosofia della religione e Teologia filosofica - Seconda edizione
Battista Mondin
L´UOMO SECONDO IL DISEGNO DI DIO
Trattato di antropologia teologica. Seconda edizione
Le Riviste

copertina libro

Antonino Postorino
LA SCIENZA DI DIO
IL TOMISMO ANAGOGICO DI GIUSEPPE BARZAGHI O. P. COME TESTA DI PONTE VERSO UNA TEOLOGIA PER IL TERZO MILLENNIO

Sacra Doctrina - Anno 63° - 2018/2

ISBN: 9788870949841
dimensioni: 150 x 210 mm
rilegatura: brossura
rivista: Sacra Doctrina
pagine: 336
anno: 2018

€ 26,00

Il professor Antonino Postorino ha già più volte assunto, dalle pagine di Sacra Doctrina, il punto di vista della “metafisica rigorosa”: cioè di uno studio dell’essere che mira a soddisfare i più severi requisiti della mentalità analitica occidentale. Questo approccio è caratterizzato da una forma di “riduzionismo parmenideo”, consistente nella considerazione del principio di non-contraddizione “l’essere è, il non-essere non è” come criterio originario di validità della conoscenza umana.
In realtà, dovremmo dire, il principio di non-contraddizione è parte di un insieme più ampio e complesso di principi conoscitivi e certezze originali, che l’enciclica Fides et ratio (n. 4) di san Giovanni Paolo II chiama “filosofia implicita”: “una sorta di patrimonio spirituale dell’umanità [...] condivis[o] in qualche misura da tutti”, anche se in modo generico ed irriflesso, costituito dai “principi di non contraddizione, di finalità, di causalità, come pure alla concezione della persona come soggetto libero e intelligente e alla sua capacità di conoscere Dio, la verità, il bene; [e inoltre da] alcune norme morali fondamentali che risultano comunemente condivise. [...] Quando la ragione riesce a intuire e a formulare i principi primi e universali dell’essere e a far correttamente scaturire da questi conclusioni coerenti di ordine logico e deontologico, allora può dirsi una ragione retta o, come la chiamavano gli antichi, orthòs logos, recta ratio”.
Mettere l’accento in modo esclusivo sul principio di non-contraddizione conduce come appare con evidenza dalla storia della metafisica occidentale all’“ossessione del nichilismo”, cioè a considerare “l’identificazione dell’essere il nulla” come il supremo rischio del pensiero. Tale identificazione inevitabile, considerando l’atteggiamento conoscitivo “iperanalitico” da cui parte questa venerabile tendenza filosofica è, secondo Postorino, evitata, o quantomeno molto ridotta,  dalla “sistematica sapienziale dell’incontrovertibile” di Giuseppe Barzaghi O. P., che può giustamente aspirare al ruolo di “testa di ponte” verso ogni possibile teologia futura.

 

Antonino Postorino -